Una zuppa cento per cento strega

· LA ZUPPA DELLA STREGA SGRANOCCHIA ·

Date
Ott, 24, 2019

Ai vostri bambini fanno più ribrezzo le verdure che un mostro grande, peloso e puzzolente?
Preferirebbero passare una serata in compagnia di un fantasma piuttosto che mangiare un bel piatto di minestrone fumante? Il libro che vi consiglio oggi risolverà la situazione (o almeno farà del suo meglio). Oggi vi presento Una zuppa cento per cento strega – di Magali Le Huche e Quitterie Simon (Edizioni Clichy).

Questo libro ribalterà a suon di risate tutti gli stereotipi, stravolgerà le convenzioni e i ruoli, facendovi venire una gran fame. E arrivati alla fine è molto probabile che vi staranno un po’ più simpatiche le verdure… e le streghe!

La zuppa della Strega Sgranocchia

Una zuppa cento per cento strega – di Magali Le Huche e Quitterie Simon (Edizioni Clichy)

La Strega Sgranocchia vive da sola in mezzo al bosco, è una cuoca provetta, ma un giorno scopre di non avere in casa i suoi ingredienti preferiti: niente rospi appiccicosi, vipere viscide o ghiande marcite… come farà a preparare la sua zuppa?

Decide così di avventurarsi negli orti dei vicini per cercare qualcosa da metterci dentro. Nel giardino della Nonnina trova delle carote (le preferite di sua nipote Cappuccetto Rosso), dall’orto dell’Orco ruba delle patate (purtroppo senza vermi), mentre nel piccolo giardino del povero Boscaiolo sono rimasti solo dei porri che, fortunatamente, sono proprio un ortaggio da strega!

Una zuppa cento per cento strega
La strega sgranocchia ruba le carote nell’orto della Nonnina

Tornata a casa si mette subito ai fornelli, ma i proprietari delle verdure sgraffignate, un po’ per riprendersele un po’ perché attirati dal profumo squisito, bussano alla porta di Strega Sgranocchia. In poco tempo la nuova “Zuppa Porri-Patate-Carote ” diventa famosa fino ad attirare nel bosco qualcuno di speciale.

Una zuppa cento per cento strega – Perché leggerlo?

Una zuppa cento per cento strega non solo racconta una bella storia, ma spiega a suo modo le virtù degli ortaggi e li rende appetibili agli occhi dei bambini: c’è quello pieno di vitamine, quello nutriente e quello che fa crescere in un lampo anche Pollicino. Alla fine la zuppa sembra funzionare addirittura come cura di bellezza!

Magali Le Huche mescola fiabe e ingredienti , li fa bollire nel grande paiolo dell’esilarante Strega Sgranocchia e scatena tante risate senza incutere paura. Un libro dal formato grande illustrato in modo ironico, con tanto testo ma scorrevole e mai banale, per questo adatto anche dai 4 anni in su.

Una zuppa cento per cento strega

La zuppa della Strega Sgranocchia (con qualche variante)

Finire Una zuppa cento per cento strega e non aver voglia di un piattone di zuppa calda è quasi impossibile: mentre si legge la storia sembra di sentirne il profumo avvolgente! Ed è proprio quello che ho fatto io: sono corsa in cucina, come la Strega Sgranocchia, e l’ho preparata subito, ma per renderla perfetta anche per la notte di Halloween ci ho aggiunto la zucca e i ceci croccanti (spero mi perdonerà le modifiche apportate).

Una zuppa cento per cento strega

Provatela! Una cucchiaiata e non potrete fare altro che esclamare un “SANTA PEPPINA che buona! ”.

Ingredienti per la zuppa :

– ½ scalogno
– 1 porro
– 250 g di carote
– 300 g di patate
– 250 g di zucca (per me tipo Hokkaido)
– 1 l di acqua
– sale e pepe
– noce moscata q.b
– Erbe aromatiche (alloro, timo, origano, salvia)
– Un cucchiaio di olio evo

Ingredienti per i ceci croccanti :

– 200 g di ceci bianchi precotti
– ½ cucchiaio di farina
– ½ cucchiaino di sale
– 2 cucchiai di olio evo
– Paprika dolce, curcuma e noce moscata a piacere
– 2 rametti di rosmarino

Preparazione :

Prima di tutto preparate velocemente i ceci : in una ciotola mescolate i ceci precotti ben asciutti con gli ingredienti secchi, dosando a vostro gusto le spezie. Trasferiteli poi su una teglia rivestita di carta forno e finite con l’olio. Cuocete in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti, controllando sempre che non si brucino e togliendoli una volta seccati e croccanti.

Per la zuppa , invece, tritate finemente il porro e lo scalogno e fateli soffriggere per qualche minuto insieme ad un filo d’olio. Nel frattempo lavate e tagliate le carote, le patate e la zucca: della Hokkaido si può usare tutto, anche la buccia! In tutti i casi cercate di ricavare dei pezzi piccoli che cuoceranno più in fretta.

Mettete tutto nella pentola e ricoprite con 1 litro d’acqua. Aggiungete le erbe aromatiche (vi consiglio di farne un mazzetto legato con lo spago per poi poterle togliere a fine cottura) e cuocete a fuoco moderato per 30/40 minuti. Quando la verdura sarà abbastanza morbida, spegnete il fuoco, aggiustate di sale e pepe, togliete le erbe e frullate: io preferisco la versione più cremosa quindi ho eliminato un paio di mestoli d’acqua prima di procedere.

Servite la zuppa della Strega Sgranocchia con i ceci croccanti, qualche seme di zucca e una spolverata di noce moscata.

Martina Romito

Martina Romito

Sono Martina, classe 1990. Nella vita cucino e leggo libri, per me e per chi mi sta attorno. Con Una Fiaba in Cucina unisco le due cose e trasformo le fiabe in dolci!

Leave a comment

Related Posts