L’importanza dei libri nel percorso verso il bilinguismo

In un contesto familiare monolingue, è possibile introdurre il bambino alla lettura di libri in lingua straniera non appena si capisce che questo può suscitare  il suo interesse. Libri e bilinguismo sono da sempre un binomio perfetto. L’apprendimento di una seconda lingua dovrebbe essere incentivata (non imposta) e accettata dal bambino, e dovrebbe inoltre avere un senso. I bambini difficilmente comprenderanno perchè i genitori, all’improvviso, si mettano a parlare una seconda lingua, ma accetteranno che ogni tanto la si usi perché qualche parente o amico vive all’estero, o perché si trascorrono le vacanze nel paese della seconda lingua, o perché i genitori amano questa seconda lingua.

 

Recentemente mi è capitato di leggere una relazione del BookTrust inglese, organizzazione benefica per la lettura dei bambini nel Regno Unito, da cui è emerso che il 26% dei genitori inglesi preferisce delegare a dispositivi tecnologici, come Amazon Alexa, la lettura di storie della buonanotte.

Il risultato del sondaggio mi ha fatto pensare quanto l’uso delle tecnologie si stia sostituendo a momenti che segnano la crescita psicologica dei bambini, come il rituale della lettura prima della nanna.

E voi genitori, riuscite a ritagliarvi del tempo per leggere un libro ai vostri figli prima di andare a letto?

 

L’importanza dei libri nel percorso verso il bilinguismo

Una delle domande più frequenti che ricevo dal contact form del blog è se ho consigli per migliorare l’apprendimento della lingua inglese nei bambini sin da piccoli e quali libri ho da consigliare.

Crescere bambini bilingue ha innumerevoli vantaggi, e anche bimbi nati da genitori monolingue possono ricevere un aiuto sin da piccoli nell’apprendimento di una seconda lingua.  Ma in che modo?

Attraverso la lettura.

Photo by Ben White on Unsplash

Leggere e raccontare ha un valore enorme all’interno della relazione adulto-bambino. Leggere a voce alta aiuta fin da piccoli a migliorare la capacità di concentrazione e attenzione nel bambino.

Da mamma di un figlio bilingue, credo nell’importanza di usare i libri per introdurre una seconda lingua. Sin da subito, non appena ci siamo trasferiti a Londra, ho cominciato a leggere in inglese uno dei libri della sera, durante il nostro rituale della giornata, prima di andare a letto. I libri sono dei preziosi alleati.

Libri e bilinguismo

Il binomio libri e bilinguismo è sempre vincente.

Vediamo perché.

Prima di tutto sia voi genitori che i vostri figli amplierete il vostro vocabolario, perché nei libri spesso sono contenute parole come i nomi di alcuni animali o di ruspe di cui raramente vi capiterà di parlare nel quotidiano.  Succede costantemente anche a me che, pur vivendo qui a Londra, se non avessi queste immersioni nei libri dei miei figli, conoscerei diversi vocaboli in meno..

L’interazione che si crea nel momento della lettura, fatta di scambio di sguardi, è fondamentale per l’apprendimento. Per questo la televisione e tutti i vari sostitutivi tecnologici come smartphone e tablet, non sortiscono gli stessi effetti e bambini esposti fin da piccoli a video in lingua originale apprenderanno molto di meno rispetto all’apprendimento attivo, fatto con un adulto. (se volete approfondire vi suggerisco la lettura di questa ricerca della University of Washington).

Infine l’associazione parola e immagine permette di stimolare diverse aree del cervello e facilita la memorizzazione di nuovi vocaboli. Ci sono alcune storie, quelle più amate, che i vostri figli impareranno facilmente a memoria. Non è successo anche a voi che in un momento di pausa, veniste scavalcati dalla voce di vostro figlio, che pur non sapendo ancora leggere, sapeva già tutte le parole a memoria?

Noi genitori abbiamo un compito enorme e siamo nella posizione migliore per esercitare un’influenza positiva.

La lettura genitore-figlio è un momento imprescindibile non solo per l’apprendimento e nello sviluppo dell’immaginazione, ma soprattutto nella crescita, sia dal punto di vista pedagogico che psicologico. In questa era tecnologica, di cui non conosciamo tutti i risvolti per le future generazioni, la lettura rimane il nutrimento mentale di cui i nostri figli hanno bisogno.

E se volete suggerimenti su quali libri in lingua inglese iniziare a introdurre, contattatemi pure sul blog.

 

A presto!

Francesca

 

Francesca Sparaco

Francesca Sparaco

Sono Francesca, cresciuta a Bergamo, dieci anni a Milano dove ho conosciuto il mio compagno e da un anno o poco più a Londra, per seguire lui. Mamma di due maschietti, ero una producer televisiva ora con una vita professionale tutta da reinventare. Adoro fare dolci con i miei cuccioli e sono appassionata di grafica e illustrazioni, video e fotografia. Sul mio Blog vi racconto la vita di una mamma a Londra.

Leave a comment

Related Posts