MyLife

Il mio primo anno da mamma!

Luglio,
Il nostro mese; Francesco compirà un anno.

Un anno di noi tre, un anno di notti interrotte, di fugaci momenti di sconforto, di ritmi che cambiano continuamente, un anno pieno di sorrisi e di pianti, di pannolini da cambiare, del mio seno sempre pronto all’uso, di un corpo che è cambiato, un anno intenso ma soprattutto un anno pieno d’amore.
Il mio primo anno da mamma. Un anno meraviglioso.

Francesco ha vissuto nella mia pancia per 39 settimane

Il parto ormai è un ricordo, un bellissimo ricordo, che ha fatto di me una vera leonessa. Ho trovato una forza in me che non credevo di avere.

Mi muovevo continuamente, non riuscivo a stare ferma; abbiamo anche ballato io e mio marito durante il travaglio per permettere a Francesco di incanalarsi meglio ed aiutarlo nel suo percorso di fuoriuscita e, al contempo, per far trascorrere quel tempo d’attesa in modo più spensierato.
Ero in simbiosi col mio corpo e con Francesco che dentro di me si impegnava per uscire. Stavamo cavalcando la stessa onda per aiutarci, sostenerci e infine per incontrarci e finalmente, dopo lunghi mesi di attesa, stringerci.

Sì, il parto è doloroso, ma è un dolore che genera amore, che genera vita… che potenza, che miracolo!
E noi possiamo fare tutto ciò, possiamo donare la vita.

Woow, da restare senza parole, il nostro corpo è davvero un dono prezioso.
Sono fiera di ciò che ha fatto il mio corpo e lo ringrazio continuamente.
Per me e mio marito l’esperienza del parto è stata una forza della natura, un’esperienza unica, vissuta insieme come coppia dall’inizio alla fine, arricchita dalla presenza di una cara amica ostetrica durante la prima fase del travaglio a casa.

Il mio travaglio é stato fisiologico, un parto naturale e perciò abbastanza lento; in fondo tutto ciò che è naturale è anche lento: bisogna permettere alla natura di compiere il suo percorso. Basti pensare alla metamorforsi di una farfalla o alla successione delle stagioni.

Quando Francesco è venuto alla luce è stata la nascita della nostra nuova famiglia, un amore puro, una vera gioia!

Il mio primo anno da mamma

Se ripenso a quel primo abbraccio, alla prima volta in cui ho osservato Francesco, la prima volta in cui l’ho annusato mi viene la pelle d’oca dall’emozione e credo, anzi credevo, che una sensazione simile non l’avrei mai potuta riprovare. Invece ogni giorno che trascorriamo insieme è un dono, ogni suo sorriso, ogni sua conquista e anche ogni sua sconfitta sono esperienze nuove che viviamo insieme e ogni volta riprovo quella sensazione, quel sentimento magnifico in cui mi dico… Questo è davvero mio figlio!?

La mamma … la mia vera vocazione, ma ammetto che a volte è davvero dura; essere madre non è sempre semplice e lo sto scoprendo passo dopo passo.

Una delle domande che più spesso mi pongo è: Starò facendo la scelta giusta??… una mamma non sempre é sicura che sarà la scelta giusta ma fa del suo meglio.. ho imparato a cercare di seguire il mio istinto, l’istinto da mamma, e ciò non è semplice in una società che sembra sempre presentare la soluzione scientificamente migliore salvo poi cambiare idea repentinamente e a seconda della moda del momento.

Cerchi di seguire quell’istinto naturale, ascoltare ciò che mi trasmettono le mie sensazioni, i miei pensieri, tornare un po’ a quell’istinto primitivo, un po’ “animalesco” se vogliamo, che permette davvero di fare la scelta giusta, o per lo meno quella meno sbagliata.

Fare la mamma non è semplice, ma è davvero la cosa più bella che potesse capitarmi; a volte ci guardiamo io e mio marito e, sorridendoci, magari con Francesco che dorme in mezzo a noi ci diciamo

Saremo mamma e papà per sempre!?

e questo basta per rialzarci da quei momenti difficili, da quei momenti che ti mettono a dura prova.
Ma questa è la vita no?
Fatta di salite ripide, salite che però ti permettono di arrivare alla vetta più alta, alla gioia vera.

La fatica, prima o poi, paga, sempre.

Un abbraccio a voi tutti mamme e papà.

Sara (insegnante di scuola dell’infanzia, ma per oggi “solo” mamma)

TagsMyLife
Share:
Sara Ruggerini

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *