MidWife

L’IMPORTANZA DEL PAP-TEST

Pap-Test

Effettuare il Pap-Test è molto importate, ecco perché:

Cos’è il Pap-test?
E’ un esame offerto dal SSN in grado di evidenziare lesioni pre-tumorali o tumorali del collo dell’utero anche in assenza di sintomatologia. Si esegue prelevando con una spatola e uno spazzolino un piccolo campione di cellule che viene ‘strisciato’, fissato su un vetrino e poi inviato in laboratorio per essere analizzato al microscopio.
E’ un esame semplice, non doloroso e dura solo pochi minuti. Il prelievo generalmente è effettuato da un’ostetrica.

Quando farlo?
Devono fare il Pap-test le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni, che sono invitate tramite lettera dalla propria Azienda Sanitaria ogni tre anni. Se non hai ancora ricevuto la lettera e rientri in questi requisiti puoi rivolgerti al tuo medico di medicina generale per sentire se è opportuno fare l’esame anche senza aver ricevuto l’invito.

Perché solo le donne in questa fascia d’età?
Iniziare lo screening precocemente può comportare la diagnosi di lesioni che hanno un’alta probabilità di regredire spontaneamente, rischiando quindi un eccesso di diagnosi e di trattamento. Già dopo i 50 anni il rischio di un carcinoma della cervice uterina in una donna che ha effettuato lo screening regolarmente è molto basso, per questo motivo lo screening si interrompe a 64 anni.
Se non hai mai eseguito un pap test e hai più di 64 anni è necessario effettuarlo: rivolgiti al tuo medico di medicina generale che ti darà le informazioni necessarie per eseguirlo.

Pap-Test

Perché devo fare l’esame?
Farlo periodicamente è l’unico metodo efficacie per scoprire le alterazioni che precedono di molti anni la comparsa del tumore. La maggioranza delle donne che si ammala ogni anno di tumore al collo dell’utero non ha mai fatto un Pap-test.

Come mi devo preparare al test?
Sarebbe opportuno effettuare il prelievo dopo almeno tre giorni la fine delle mestruazioni e senza perdite di sangue; non avere rapporti sessuali nei due giorni prima dell’esame; evitare l’uso di ovuli, creme o lavande vaginali nei tre giorni precedenti l’analisi.
Farmaci assunti per via orale o per via intramuscolare non causano nessun problema.

Posso fare il Pap-test in gravidanza?
Fare il Pap-test in gravidanza non presenta in linea generale controindicazioni. Si consiglia, tuttavia, di eseguirlo entro l’ottavo mese. Dopo l’esame ci possono essere piccole perdite di sangue ininfluenti sull’andamento della gravidanza. Se non strettamente necessario può essere comunque posticipato alla gravidanza.

Il risultato è affidabile?
Il pap-test è un metodo efficace per la prevenzione del cancro invasivo del collo dell’utero.
Come ogni esame però presenta dei limiti e si possono verificare dei falsi positivi (risultati anormali in persone sane) o dei falsi negativi (risultati normali in persone malate).
I falsi negativi si possono verificare per vari motivi: può capitare che la lesione non sia stata raggiunta dal prelievo o che da questa non si stacchino cellule, o che le cellule siano mascherate da cellule dell’infiammazione o dal sangue. Essendo molto lunga la fase preclinica, però, la lesione può essere identificata allo screening successivo.

Pap-Test

Come ricevo la risposta?
In caso di normalità, il referto viene recapitato per posta al domicilio. Se il risultato fosse dubbio, il centro di screening ti contatterà per effettuare gli approfondimenti diagnostici necessari.

E se mi richiamano per altri accertamenti, quali esami devo eseguire?
Si può essere richiamati per effettuare ulteriori test o la colposcopia, esame ambulatoriale che permette il controllo diretto della cervice uterina da parte del medico. Il richiamo non deve comunque allarmare: spesso alterazioni inizialmente sospette vengono poi escluse con gli accertamenti ed esami successivi.

Cos’è la colposcopia?
E’ un esame ambulatoriale che serve a controllare il collo dell’utero mediante l’uso del colposcopio, uno strumento munito di una sorgente luminosa e di un sistema di ingrandimento. L’esame consiste nell’osservazione del collo dell’utero attraverso una lente che ne permette l’ingrandimento dopo aver applicato un liquido in grado di evidenziare lesioni del tessuto della cervice. In caso si evidenzino delle alterazioni il medico potrà effettuare una biopsia, ossia un prelievo di tessuto che sarà successivamente inviato in laboratorio per essere analizzato al microscopio.
Ritengo fondamentale informarsi e lavorare sulla prevenzione che è uno strumento di fondamentale importanza di cui disponiamo per combattere molte malattie.

Vi rimando agli articoli delle mie “colleghe” di NotOnlyMama che questo mese si sono occupate dei vari aspetti della prevenzione.
Vi aspetto numerose!
Caterina

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *