Bellezza

EPILAZIONE CON LASER DIODO

epilazione con laser Diodo

Rimuovere i peli della cute è una pratica antichissima, attuata già dal 1500, questi sono da sempre: nemici indiscussi della bellezza!
Tanti i metodi di epilazione, dall’antichissima pasta da zucchero, alle cere (calda e fredda), ai metodi di epilazione elettrica fino ad arrivare ad uno degli ultimi ritrovati della medicina estetica.
Oggi fortunatamente uno degli inestetismi più diffusi come “l’ipertricosi” può essere trattato ed eliminato in maniera definitiva.

L’ipertricosi è quella situazione nella quale oltre alle aree normalmente dotate di peluria (pube, ascelle, arti) questa invade zone come (labbro superiore, mento, gote, area mammaria…)per una donna tutto questo da un normale inestetismo può diventare una vero e proprio dramma.
La tecnologia nell’estetica ha fatto passi da gigante, liberarsi dei peli superflui non è impossibile, infatti, oggi uno dei metodi più efficaci è sicuramente la foto epilazione a laser Diodo.

epilazione con laser Diodo

Colpisce la melanina del bulbo del pelo; la melanina è proteina che pigmenta la pelle e le strutture annesse come peli e capelli. Questo metodo adopera un manipolo che emette un fascio di luce che viene assorbito in modo selettivo per un processo chiamato “fototermolisi selettiva”. Il fascio di luce emessa si trasforma in energia termica, provocando una vera e propria esplosione delle cellule del bulbo, modificando così la capacità di svilupparne altri, fino alla graduale scomparsa. È un trattamento davvero innovativo, che non provoca dolore e da risultati visibili da subito. Chi può sottoporsi a questo trattamento? Sicuramente è necessario sottoporsi ad un check-up, dove l’operatrice valuterà: il foro tipo cutaneo, la dimensione e la profondità del pelo e soprattutto l’assenza di processi infiammatori ed eventuali patologie e terapie farmacologiche. È comunque utile conoscere alcuni effetti indesiderati che possono verificarsi subito dopo la seduta, seppur passeggeri, come: aree puntiformi ed un leggero edema simile alla puntura di un insetto, ma che sono sinonimo della riuscita del trattamento, come una leggera ipopigmentazione di piccole aree trattate, soprattutto nei soggetti con pelle scura, tale reazione regredisce però nel giro di pochi mesi!
Ricordo che questo trattamento è comunque sconsigliato nei seguenti casi:
-pelle abbronzata;
-pelle tendente a sviluppare ipopigmentazioni (vitiligine);
-cancro della pelle o altre patologie tumorali;
-malattie cutanee in genere;
-uso di vitamina A o farmaci tipo antibiotici e cortisonici;
-diabete;
-gravidanza.

Alla prossima,
Raffaella

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *