Expat

LA CUCINA TRADIZIONALE DEGLI EMIRATI ARABI

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Vivere in una città multiculturale come Dubai vuol dire avere anche la possibilità di poter provare cucine provenienti da tutto il mondo; le offerte di ristoranti qui sono davvero tantissime è possibile infatti provare cibi tipici di ogni parte del mondo: italiani, spagnoli, francesi, greci, indiani, peruviani, iraniani, libanesi, cinesi, coreani, giapponesi,… e fusion di ogni tipo!
Molte sono cucine note in tutto il mondo, basti pensare a quella giapponese ormai presente ovunque, ma vi siete mai chiesti qual’è il cibo tradizionale di questo paese arabo?
Dubai fino a qualche decennio fa era un deserto incontaminato se non per qualche accampamento beduino e proprio per far fronte ad una vita trascorsa nel deserto l’alimentazione di questo popolo è stata e lo è tutt’ora, caratterizzata principalmente da carne, cereali e latticini.
La cucina tradizionale emiratina infatti si basa principalmente sulla carne di animali come il cammello, capra, agnello o di pesce pescato nel Mar Arabico.
La maggior parte dei piatti sono insaporiti da diverse spezie quali curcuma, zafferano e cannella è molto forte infatti l’influenza della cucina indiana.
La carne di cammello viene considerata, nella tradizione, un piatto speciale e soprattutto nel passato veniva preparata principalmente in occasioni particolari come Eid (la festa mussulmana che conclude il periodo del digiuno del mese del Ramadan) o durante le celebrazioni dei matrimoni.

Ecco alcuni dei piatti tipici:
Stuffed camel (cammello ripieno)
In genere questo piatto, come poc’anzi detto, si cucina per occasioni speciali e sono certa che come me resterete a bocca aperta leggendo la ricetta, vi dico solo che ha vinto il record del mondo come piatto più grande mai servito!
Ebbene sí, l’ingrediente principale è un cammello intero, 1 agnello, 20 galline, 60 uova e 12kg di riso!!!
Ci si aggiunge anche 2kg di pinoli, 2kg di mandorle e 1kg di pistacchi, sale e pepe.
Dopo aver pulito il cammello, l’agnello e le galline bisogna farli bollire insieme fino a rendere la loro carne tenera, bollire separatamente le uova ed in un’altra pentola il riso.
Le mandorle, i pinoli ed i pistacchi dovranno essere tostati prima di essere aggiunti.
Unire il tutto… et voilà il piatto più grande al mondo è servito!
In genere se ne possono ricavare tra le 80 e le 100 porzioni!!!
Dimenticavo… non volete sapere il tempo di cottura per prepararlo il prossimo Natale? 10 ore!

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Al Harees
Questo è un piatto dal sapore esotico composto da carne e grano.
Considerato molto semplice ed elegante è caratterizzato dall’utilizzo di pochi ingredienti ma necessita di un lungo tempo di preparazione.
Generalmente anche questo è un piatto che viene servito durante Eid, il Ramadan o durante i matrimoni.
Carne e grano cotti insieme con un pizzico di sale per ore fino a quando entrambi non diventano un unico impasto. Successivamente questo composto verrà ulteriormente cucinato in una pentola di argilla con coperchio per tutta la notte.
Se si vuole si possono aggiungere spezie a piacere.

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Shawarma
E’ il cibo più mangiato in questo Paese: può essere preparato con agnello o pollo.
Per renderlo più saporito si aggiunge una salsa di aglio, sottaceti e pomodori il tutto avvolto nel pane arabo.
Questo piatto assomiglia molto al Kebab ed è molto versatile a seconda del gusto personale.
Qui negli emirati i locali sono soliti mangiare lo shawarma accompagnandolo con una bevanda ottenuta frullando insieme le fragole e le banane.

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Al Machboos
Piatto molto comune nelle tavole emiratine, gli ingredienti principali sono il riso e può essere sia a base di pesce, di agnello che di pollo.
La preparazione del al machboos a base di pollo prevede i seguenti ingredienti: 1 kg di pollo tagliato in quattro parti, 1kg di riso bianco basmati, 2 cipolle tritate, aglio tritato, 2 pomodori tagliati in cubetti ed una patata tagliata in quadratini. Importantissime per la riuscita di questo piatto è l’utilizzo di un mix di spezie, limone essiccato, un bastoncino di cannella, 3-4 cucchiai di burro, ½ cucchiaino di curcuma, ½ cucchiaino di cumino, 2 cucchiai di uvetta e 2 cucchiai di zafferano imbevuto in succo di limone.
Il procedimento è semplice ma anche in questo caso i tempi di preparazione non sono brevi: sciacquare il pollo e massaggiarlo con il sale ed il mix di spezie dopo di rosolarlo, su entrambi i lati, nel burro.
Una volta soffritto l’aglio ed aggiunto il pomodoro e la cannella al pollo andranno aggiunte le patate e lasciato cuocere il composto a bassa temperatura per circa 15 minuti dopo i quali andrà rimosso il pollo ed aggiunto il riso.
Posizionare il pollo sopra il riso e aggiungere acqua fino a coprire il tutto e portare ad ebollizione. Aggiungere quindi il composto di zafferano e limone e nel frattempo soffriggere le cipolle nel burro e successivamente aggiungere le uvette.
Prima di servirlo è consigliato lasciare riposare il piatto per 10 minuti.
Se si vuole si possono aggiungere uova bollite come decorazione.

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Hummus
Più che un piatto questa è una salsa, ormai conosciutissima in tutto il mondo, preparata con ceci, olio di oliva, succo di limone, thaini, sale ed aglio. È un ottimo aperitivo accompagnato con il pane arabo ed è davvero semplicissimo da preparare.

La cucina tradizionale degli Emirati Arabi

Ecco alcuni dei tipici piatti che mangiano i locali qui negli emirati: a me sinceramente è una cucina che non fa impazzire ma credo che proprio attraverso quello che un popolo mangia tradizionalmente si possa imparare e capire molto di più della sua cultura.
Voi avete una cucina preferita oltre quella italiana ovviamente?
Io adoro la cucina libanese e la giapponese, le avete mai provate?
Olimpia

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *