PedagogyCorner

PERCHE’ USARE IL SEGGIOLINO IN AUTO?

Seggiolino in bocca

Perché usare il seggiolino in auto?
Quanti genitori non usano il seggiolino in auto? Tanti, troppi. Il Codice della Strada parla chiaro: i bambini devono viaggiare al sicuro, ben “ancorati” agli specifici dispositivi di sicurezza (seggiolini e ovetti). Eppure, sono ancora moltissimi i bimbi che viaggiano liberi nell’abitacolo, senza neppure la cintura di sicurezza. E sono altrettanto numerosi i piccoli che vengono tenuti in braccio da mamme e nonni mentre l’auto è in movimento.
Le braccia della mamma sono sicure. Ma non in auto.
Tra le braccia della mamma non esiste alcuna sicurezza: in caso di un banale incidente a circa 50 km/h, la forza d’urto generata supera i 200 kg. È matematicamente e fisicamente impossibile riuscire a trattenere tra le braccia il proprio figlio, anche piccolo.
Addirittura, ci sono genitori che tengono il bambino sulle ginocchia mentre guidano.
I motivi? I genitori adducono varie motivazioni: viaggi brevi, andatura lenta, attenzione, capricci del bambino, necessità di allattamento….
Ebbene, nessuna di queste motivazioni può essere sufficientemente valida per giustificare questo tipo di negligenza. Il bambino che viaggia senza seggiolino auto (o senza essere correttamente legato), rischia la vita.

Seggiolino in auto

Voi volete mettere a rischi di vostro figlio?
Il seggiolino auto è come un abito su misura: quante volte vi siete messi al volante di un’auto guidata da una persona molto più alta e, allacciando la cintura di sicurezza, avete sentito un forte disagio alla gola? E’ ciò che accade anche ai bambini posizionati in seggiolini non adatti alla loro altezza o peggio ancora senza alcun rialzo dal sedile. In queste condizioni un incidente anche banale potrebbe avere conseguenze serie.
L’uso del seggiolino auto è una buona abitudine e una routine che ci aiuta a proteggere i nostri figli quando ancora non sono in grado di poterlo fare da soli.
Perché usare il seggiolino in auto?
Per salvare la vita a vostro figlio!
Francesca

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *