LA SCATOLA AZZURRA: GIOCO SENSORIALE

L’estate ci ha regalato tanti momenti all’aria aperta, e i nostri bimbi si sono abituati a divertirsi con oggetti naturali, trovati sulla spiaggia, e nei prati durante le passeggiate.
Ora che è arrivato l’autunno, e iniziano i primi freddi, come fare per ricreare anche a casa, occasioni di gioco di questo tipo, libero e spontaneo?

Avete mai sentito parlare de La scatola azzurra? Si tratta di un simpatico gioco sensoriale, per far vivere ai bambini l’esperienza di un contatto con la natura, tra le mura di casa.
L’obiettivo della scatola azzurra, infatti, è proprio quello di avvicinare i bambini alla natura, per rafforzare il rapporto con il loro vissuto interiore, e migliorare le relazioni.
La scatola azzurra, è un mondo protetto in cui il bambino può entrare in contatto con gli oggetti, manipolarli ed esplorarli in modo sicuro e indipendente, senza intrusioni dall’esterno che ricordano di “non toccare”, “non sporcarti”, e “fai attenzione”, come spesso accade negli spazi all’aperto.

La scatola azzurra

“Il contatto con gli elementi naturali mette in moto fortemente e spontaneamente la capacità di raccontare, esprimere il proprio mondo interiore, la propria creatività, il proprio immaginario.” P. Tonelli

Come si costruisce una scatola azzurra?
Realizzare una di queste scatole è semplicissimo: scegliete un contenitore (anche uno scatolone di cartonato spesso può andar bene) e dipingetelo di azzurro.

La scatola azzurra

Una volta realizzata la scatola vera e propria, dovrete recuperare la sabbia e gli elementi naturali per giocare.
I migliori (ma, anche i più semplici da reperire) sono:
sassolini, rametti, foglie, fiori secchi, ghiande, pigne, castagne, terra, conchiglie (potete utilizzare i gusci di cozze, vongole).
La natura variegata di questi oggetti, offre la possibilità di sperimentare percezioni sensoriali diverse, e collegare ad esse emozioni specifiche. Il bambino potrà scegliere quali oggetti inserire nei suoi paesaggi, se giocare con uno solo per volta, oppure abbinarli per ottenere più possibilità di espressione.
Oltre agli elementi naturali, potete introdurre nella scatola azzurra anche piccoli giocattoli in legno (edifici, personaggi e perché no, un trenino), una piccola paletta ed un rastrello, un setaccio, o un colino: per i più piccoli, filtrare la sabbia è un passatempo magnetico.

Durante il gioco il bambino può immaginare di realizzare un quadro o un paesaggio.

Questo è uno degli esempi della molteplicità delle esperienze possibili con la scatola azzurra..non resta che provare e sperimentare da voi le reazioni dei vostri bambini a questa attività!
Francesca

Francesca Piazzolla

Francesca Piazzolla

Ciao a tutti, sono Francesca, 26 anni, abito in provincia di Milano. Sposata con Denis e mamma della piccola Giorgia (#mylittlegiorgia). Ho sempre avuto buone doti relazionali, di ascolto, di comunicazione, di confronto, di gestione dei conflitti e di auto-riflessione e questi hanno caratterizzato il mio percorso di studi in Scienze Pedagogiche conseguendo il titolo di Consulente Pedagogica. Passione che mi ha portato ad intraprendere nella vita di tutti i giorni la mia professione. Ma nonostante tutto non ho mai abbandonato la passione per la fotografia, la cucina e la creatività. Seguitemi su IG @bastasolounclick :)

1 Comment

  1. Avatar
    Rispondi

    Sonia

    17 Gennaio 2018

    L’importanza del contatto con la natura per in nostri bimbi è noto. Purtroppo molto spesso non si riesce a metterlo abbastanza in pratica a causa dei ritmi frenetici di vita.
    Portare un pò di natura in casa è un’idea davvero bella e dalla quale credo che trarranno una piacevole esperienza. Da non sottovalutare neanche il contatto stesso con la sabbia e gli oggetti naturali.
    Quando è nata la mia bambina, abbiamo aderito al progetto “Nati per leggere”. La dottoressa che gentilmente si presta a leggere in biblioteca ai bambini (pedagogista) sottolineava l’importanza dello sviluppo del tatto per i bimbi. Sono rimasta attonita quado mi ha detto che bambini in prima elementare non hanno la giusta coordinazione delle dita per sfogliare le pagine di un libro perchè ormai troppo abituati all’uso di smartphone ecc…
    Non sottovalutiamo mai le cose che sembrano scontate, perchè per i nostri bimbi sono la scoperta di un mondo incantato….magari fatto di legno, sabbia e conchiglie 😉

Leave a comment

Related Posts