NATALE IN SPAGNA

Date
Dic, 12, 2016

Il Natale è nell’aria. In città le strade iniziano a vestirsi a festa e si riempiono di gente con borse e pacchi. Anche quest’anno per me sarà un Natale lontano dall’Italia ma non voglio essere triste, ci saranno altre occasioni per stare con la famiglia. Ho deciso, mi godrò il Natale in Spagna anche se con un po’ di inevitabile nostalgia per la nostra cucina ed i nostri dolci.
Qui in Spagna l’avvicinarsi delle feste è scandito da una serie di appuntamenti classici molto radicati nella tradizione. I festeggiamenti inizieranno con la CENA DE EMPRESA, appuntamento fisso con i colleghi di lavoro per una cena o a volte anche un pranzo in attesa delle feste.
Natale in Spagna
Poco prima del Natale, la mattinata del 22 dicembre, tutto il paese si ferma per l’estrazione della Lotteria di Natale, chiamata EL GORDO DE NAVIDAD. L’estrazione è trasmessa in diretta tv e tutti i numeri estratti sono cantati dai bimbi del coro di San Ildefonso. Praticamente si passa l’intera mattina ascoltando numeri cantati con tanto di commentatori vari. Questa lotteria è un’istituzione, distribuisce tanti soldi a molte persone perchè lo stesso numero si suddivide in vari DECIMOS (decima parte di una serie). La comprano tutti ma proprio tutti. Addirittura la vendita inizia in estate perchè i villeggianti possano comprare un biglietto in una località che non sia la loro ed avere così più possibilità di essere baciati dalla fortuna.
Natale in Spagna
L’appuntamento più atteso è la cena di Natale. Secondo la tradizione durante la NOCHEBUENA la famiglia si riunisce per un cenone ipercalorico dalle mille portate. Gli antipasti più quotati sono i frutti di mare che vanno dalle ostriche più gettonate al Nord fino all’aragosta, gamberi e gamberetti più quotati al Sud. I prezzi schizzano alle stelle nei mercati nei giorni immediatamente precedenti le feste fino a raggiundere cifre astronomiche. A seguire un piatto di carne che può essere a base di agnello o tacchino ripieno ma anche altri tipi di carne. Per quanto riguarda i dolci, niente panettone o pandoro anche se c’è da dire che se ne trovano in quasi tutti i supermercati. Qui si mangiano soprattutto i MANTECADOS, dolcetti di varie forme prodotti con la manteca de cerdo (lardo) ed i POLVORONES, una variante dei mantecados, tipici dell’Andalusia. Ci sono poi i MAZAPANES, versione spagnola del marzapane ed i TURRONES. Il torrone spagnolo esiste in due varianti: uno duro simile al torrone italiano ed un altro morbido che contiene più o meno gli stessi ingrediente tritati e compattati.
La notte di San Silvestro è anche qui in Spagna motivo di grandi festeggiamenti. A mezzanotte tutte le televisioni trasmettono le 12 CAMPANADAS, in diretta dall’orologio della Puerta del Sol a Madrid e si mangia un chicco d’uva per ogni rintocco della Campana per chiamare la fortuna (rischiando di soffocare). Io ci ho provato ma l’unico modo per rispettare la tradizione per me è mangiare delle uvette.
Per concludere in bellezza la carrellata di feste arriva il giorno dell’Epifania o DÍA DE REYES, il giorno più amato dai bambini perchè i Re Magi portano loro i tanto attesi regali. In questo giorno si mangia il ROSCON DE REYES, un dolce a forma di ciambella, fatto di pasta brioche, ripieno di panna e ricoperto di frutta candita.
Natale in Spagna
All’interno il più fortunato dei commensali troverà una piccola sorpresa e sarà proclamato il re della festa ma dovrà pagare il dolce!
Feliz Navidad!
Monica

NotOnlyMama

NotOnlyMama

1 Comment

  1. Avatar
    Rispondi

    Cristina

    12 Dicembre 2016

    Bellissimo articolo, e che foto stupende! Per un attimo mi sono sentita catapultata Nell’atmosfera natalizia spagnola… Deve essere davvero affascinante 🙂

Leave a comment

Related Posts