LA TRADIZIONE PROVENZALE DEI 13 DESSERT

Date
Dic, 09, 2016

Nel sud della Francia esiste un’usanza davvero golosa…ops! volevo dire curiosa!
Innanzi tutto, in Provenza e nella regione di Nizza, chi intende seguire la tradizione prepara la tavola per il cenone di Natale stendendo ben tre tovaglie bianche e disponendovi sopra tre candele. Essendo il Natale anche la festa della carità, il padrone di casa non deve poi dimenticare di predisporre il coperto per uno sconosciuto, detto anche “il coperto del povero”.
Ebbene, al termine del gros souper, ossia il cenone di Natale, si usa servire in tavola contemporaneamente e in modo abbondante 13 dessert. Avete capito bene, tredici diverse “golosità” con le quali concludere il pasto. Il numeri hanno un carattere simbolico: il numero tredici ricorda il numero di commensali presenti all’ultima cena, così come il numero delle tovaglie e delle candele richiama la trinità.
Ci sono quattro dessert per così dire “costanti” che si ritrovano un po’ su tutte le tavole del cenone. Si tratta delle noci e delle nocciole, dei fichi secchi, dell’uva passa e delle mandorle. Questi quattro cibi rappresentano gli ordini degli Agostiniani, dei Francescani, dei Carmelitani e dei Domenicani.
13 dessert
Gli altri dessert variano a seconda della zona geografica e delle usanze della famiglia che organizza il cenone. Tra di essi si possono trovare la pompe a l’huile (una focaccia dolce aromatizzata con le scorze d’arancio), torrone di provenza, datteri, arance e mandarini, frutta candita, melone verde, prugne, uva bianca, torta di pinoli, croccante di mandorle, pasta di mele cotogne, frittelle ai fiori d’arancio, gallette al latte, i famosi calissons d’Aix en Provence (squisiti dolcetti alla pasta di mandorle ricoperti di glassa). L’elenco non è esaustivo, e chiaramente si presta alle integrazioni più svariate.
13 dessert
I 13 dessert vengono sempre accompagnati da abbondante vin brulé, e sappiate che chi non lo beve rischia di attirare la sfortuna per l’anno successivo…perciò…à votre santé!!
Mariagiulia

NotOnlyMama

NotOnlyMama

3 Comments

  1. Avatar
    Rispondi

    marina

    9 Dicembre 2016

    Bellissime foto e usanza interessante!!! 🙂

  2. Avatar
    Rispondi

    Frank

    9 Dicembre 2016

    Che bella tavola!

  3. Avatar
    Rispondi

    Stefano

    10 Dicembre 2016

    Forte…Potresti scrivere come si prepara il vin brulè nel prossimo post?

Leave a comment

Related Posts