DIYTutorialPedagogyCorner

METODO MONTESSORI: COSTRUIAMO INSIEME DEI MATERIALI

Ciao a tutti!

Avevamo lasciato Silvia di 123 Marameo con un bellissimo articolo sul metodo Montessori (che se volete potete rileggervi qui). Oggi torniamo a parlarvi della costruzione di materiali ad ispirazione montessoriana; quelli che vedrete sono stati realizzati dalla nostra Silvia.

I materiali Montessori sono studiati, certificati e aimè molto costosi, ma credo che anche a casa con un po’ di creatività e pazienza si possano realizzare alcuni materiali, sicuramente meno preziosi ma fatti col cuore.

Sicuramente molto conosciuti sono i telai delle allacciature: si tratta di due lembi di stoffa uniti al centro da zip, lacci, bottoni con asola, ganci o fibbie. Favoriscono la libertà di movimento e l’esercitazione degli atti pratici del vestirsi.

Per la realizzazione occorre una cornice di legno, due rettangoli di stoffa e bottoni o lacci (possibilmente di due colori differenti), zip, gancetti….con ago filo e un pizzico di pazienza vedrete che i vostri piccoli apprezzeranno il vostro dono fatto a mano, fatto col cuore.

telaio allacciature telaiobottoni

 

Un altro strumento piuttosto interessante e facile da costruire sono i pannelli sensoriali: Silvia ha realizzato questi pannelli quando i suoi piccoli frequentavano il nido, semplici tavolette di legno dove attaccare vario materiale di riciclo. Si è cercato di creare la contrapposizione – caldo-freddo, liscio-ruvido, morbido-duro – senza badare troppo alle figure che si creavano visto che l’attenzione del bambino va riposta più sulla parte tattile.

Per la ricerca dei vari tessuti ed oggetti, provate a chiudere gli occhi e lasciatevi trasportare dalle sensazioni che i materiali stimolano sotto le vostre mani….sarà come ritornare bambini, una scoperta continua. Per attaccare usate colla a caldo, molto calda e abbondante….e buon divertimento.

pannelli sensoriali

E voi? conoscete qualche materiale montessoriano utile e facile da fare? Se volete scrivetecelo nei commenti.

Alessandra

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *