IL CASTELLO DI NEUSCHWANSTEIN

Date
Apr, 21, 2016

Lo scorso week-end mi son sentita una vera principessa! Con mio marito e degli amici sono partita alla scoperta del castello più famoso e più riprodotto al mondo, il castello delle favole per eccellenza, uno dei simboli della Baviera, il castello di Neuschwanstein.

IMG_66392016-04-20_0004

Arrivati in Germania sabato mattina, dopo la sosta del venerdì notte a Innsbruck con capatina obbligatoria al Casinò (perdendo quei 30€ che speravo potessero cambiare la mia vita), ci siamo diretti a Füssen. Con l’adrenalina in corpo come una bimba di 6 anni alla vista del Castello sono rimasta letteralmente senza parole.

2016-04-20_0003 2016-04-20_0002 2016-04-20_0001

U N B E L I E V A B L E, il castello dove la principessa Aurora si destò dal sonno grazie al bacio del principe Filippo era davanti ai miei occhi e finalmente potevo godere del suo fascino. Eccolo tutto bianco, ricco di torri, costruito su una roccia e circondato da montagne e laghi. Desiderosa di ammirarne anche il suo interno ho acquistato il biglietto d’entrata (€ 12) nel paesino di Hohenschwangau ai piedi del castello. Per raggiungerlo, da buona trentina, ho optato per una passeggiata di ca. 40 minuti ma per i più pigri è possibile salire in autobus (€ 1,80 la salita ed €1 la discesa) o in carrozza (€6 la salita e € 3 la discesa). Se l’esterno è meraviglioso il suo interno è incantevole. La Sala del trono in stile bizantino è una combinazione tra chiesa e sala ricca di dipinti religiosi. Ludovico II, il padrone del castello, non si considerava infatti solo re per grazia divina, ma anche mediatore fra Dio e il mondo. La camera da letto in stile tardo gotico è dominata da un grande letto a baldacchino ad intaglio, scrivania ed una piccola cappella. Continuando si arriva ad una piccola grotta artificiale connessa ad una piccola serra. Dopo una serie di stanze dedicate alla servitù si arriva all’ultima e più grande stanza del Castello, la Sala dei Cantori, destinata alle feste di corte. I candelabri contano 600 candele ed è bastato chiudere gli occhi per immaginare un ballo abbracciata al mio principe azzurro.

Il desiderio di visitare il Castello ispiratore di numerose favole Disney è stato esaudito e con esso anche la favola di vivere un giorno da vera principessa!
Roberta

Roberta Bomè

Roberta Bomè

Sono Roberta, vivo in Trentino assieme all’Uomo che in soli 14 mesi mi ha portata all’altare e le nostre due perle: Chiara e Andrea. Dopo un Erasmus in Galles mi sono laureata in Legge all’Università degli Studi di Brescia. Il mio scopo? Quello di farvi innamorare dell’ostico mondo del diritto.

Leave a comment

Related Posts