Top flop Australia

Ciao Italia, eccoci arrivati alla dura verità, lo sò che stavate aspettando con ansia questo momento: il momento della mia top flop Australia. Non dormivate la notte e avevate attacchi di ansia vero?
Lo immaginavo.
Voglio farvi una premessa: dopo il primo anno di entusiasmo ho guardato con occhi diversi tante cose e ce ne sono molte, moltissime che non mi piacciono. Potrei fare una lista lunga come l’elenco del telefono della Lombardia, ma, mi limiterò a 5…farò la brava.
Forse.

Top flop Australia

Partiamo con la Top Flop Australia:

1•IMPICCIOSAGGINE
Non si fanno i fatti loro, non intendo che gli piace fare gossip, a quello sono abituata perché abitando in un paesino piccolo in Italia è normale essere a conoscenza del detergente intimo che usa la tua vicina di casa. Loro devono commentare se stai facendo una cosa che per loro è sbagliata. Per certe cose hanno ragione ma qui il detto “fatti i cxxxx tuoi che campi cent’anni” qui non esiste. Proverò a tradurglielo. Potrebbe suonare così “mind of your fuxxx business and you gonna live for 100 years” non credo capirebbero. L’altro giorno per esempio ho lasciato il carrello della spesa vicino ad un muro perché avevo parcheggiato lontano e con Ale che aveva fame non sono stata a tornare indietro al supermercato. Una tizia stava parcheggiando e io nella mia testa sapevo giá che avrebbe commentato.
Vi avverto che il primo che mi dice “eh ma la sciura aveva ragione” gli pago il biglietto per venir qui e farsi rompere le scatole dalla gente. Nemmeno il tempo di uscire dall’auto che mi ha detto: “il carrello va riportato bla bla bla”. Sempre nella mia mente “Signora se vuole sopravvivere si fermi”
È andata avanti per sua sfortuna.
“Signora si faccia i suoi business…” non ce la faccio a star zitta. Ma questo è solo un esempio, credetemi che fa innervosire quando iniziano a fare così per ogni cosa. Mi sto innervosendo anche adesso che scrivo. Io esco di casa preparata chiedendomi chi sarà il prossimo che manderò a quel paese. Hanno sempre qualcosa da dire. Belli i tempi in cui non capivo un cacchio.

2• PULIZIA
Sono diventata maniaca compulsiva per colpa loro. Per certe cose sono molto attenti ma per altre, ho visto cose che voi umani non potete immaginare.
Che poi questo bidet lo vogliamo mettere o no in ste case?! Certe case, (in una ho pure vissuto e non chiedetemi come e perché) da farti venire l’orticaria dallo sporco e della quantità di roba in giro. Alcuni entrano anche nei bagni pubblici senza scarpe, mi sono fatta le benedizioni con la candeggina da sola. Siamo migliori amiche.

Top flop Australia

3• PRETENZIOSITÀ
Hanno ragione, pagano e pretendono ma certe volte lavorando nella ristorazione ti tirano scemi.
– “vorrei un cappuccino metà latte intero e metà latte magro però con 4 bustine di zucchero, con tanta schiuma, molto caldo ma non bollente, ristretto e con tanto cacao”
– “un rene anche, lo vuoi!?”
Roba che se non è come dicono loro lo rimandano indietro. Che poi per certi versi hanno ragione, ho imparato anche io a non accontentarmi se non è come voglio io qualcosa, prima ero un po’ meno furba. Infatti adesso sono un pò più pretenziosa ma mai come loro, giuro.

4• STATO D’EBREZZA
Non voglio generalizzare troppo, ci sono sicuramente le eccezzioni ma quando arriva il venerdì, scatta l’ignoranza. Ogni occasione è buona per bere. Per loro bere significa divertirsi, io la trovo una cosa così triste. Prima dei 18 non possono toccare alcol poi il giorno del diciottesimo bevono fino a svenire.
“Quanti anni hai?”
“Non lo so, l’ho dimenticato 18 birre fa”.
Soprattutto le ragazze, bevono come se non ci fosse un domani. A me sto desiderio mi è venuto dopo che sono diventata madre!
Costa tantissimo l’alcol. Una birra costa di media 8 dollari e i cocktails possono arrivare a 25 dollari. Una volta in discoteca per essere brilla ho dovuto spendere 120 dollari. A sto punto mi bevo la benzina che costa meno. Scherzo ovviamente.

Top flop Australia

5• LONTANANZA
Per ultimo ma sicuramente non per importanza ci metto la lontananza. Perchè una delle pecche più grandi di questo paese è la lontananza. La verità è questa: odio l’Australia perché è lontana. Non vi scrivo un discorso lungo perché non so mai a che ora leggete il post e, non vorrei mai che siate a letto e vi addormentiate. Comunque é per questo motivo che sono anche stanca di stare qui. Tornare una volta all’anno a casa e vedere gli amici e i parenti è straziante. Mi manca tutto, anche mia sorella che mi ruba la roba dagli armadi. Questo forse un po’ meno. Bella per certi versi l’Australia però, costa fatica star così lontani. Mi manca l’Italia.

Top flop Australia

Ci sarebbero così tante cose da dire, mi sono resa conto che in realtà ci sono molti lati positivi di questo paese e che tante cose negative non le posso scrivere altrimenti mi mettono in galera però, se volete ci beviamo un caffè e vi confido tutto.
Comunque non è detto che non ritorni sull’argomento prima o poi.
A presto.
Eve

Share:

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con *